Alvaro Munera: ex torero spiega perché è diventato un attivista anticorrida

 

cv.jpgÁlvaro Munera, nato a Medellín, in Colombia, cresciuto fin da piccolo in mezzo alla “cultura” taurina, grazie soprattutto al padre che lo aveva portato a vedere le corride già all’età di 4 anni. L’atmosfera in casa era totalmente pro taurina. Non abbiamo mai parlato di calcio o di qualsiasi altra cosa, solo di tori. La corrida era il centro del mondo per mio padre. Dal momento che sono cresciuto immerso in questa atmosfera taurina, era logico che all’età di 12 anni, ho deciso di essere un torero.

Ma il 22 settembre 1984, quando aveva 18 anni, Munera soprannominato “El Pilarico,” venne ferito da un toro di nome Terciopelo, che lo incornò alla gamba sinistra e gettò Álvaro in aria. La diagnosi fu terribile: lesione al midollo spinale e trauma cranico, nessuna possibilità di tornare a camminare. E se non bastasse, il suo migliore amico, “El Yiyo,” fu incornato a morte qualche mese più tardi, e il direttore di entrambi i toreri si suicidò tre anni dopo. Da quel giorno qualcosa dentro di lui cambiò.

Quattro mesi dopo, Munera andò negli Stati Uniti per avviare la sua riabilitazione fisica, cogliendo anche l’occasione per andare al college. Gli Stati Uniti sono un paese totalmente anti-taurino e “grazie” alla vecchia professione Álvaro si sentiva come un criminale. Ho dovuto affrontare una società antitaurina che non può concepire come un’altra società può permettere la tortura e l’uccisione di animali. I miei compagni, medici, infermieri, le altre persone fisicamente disabili, i miei amici, la mia ragazza del Nord America, e la zia di uno dei miei amici, avevano detto che meritavo quello che mi era successo.I loro argomenti erano così solidi che ho capito che sbagliavo. Il 99 per cento della razza umana che è fermamente contro questa triste e crudele forma di intrattenimento aveva totalmente ragione. Molte volte l’intera società, non è da biasimare per le decisioni dei loro governi, la prova di ciò è che la maggior parte delle persone in Spagna e la Colombia sono veramente anti-corrida. Purtroppo c’è una minoranza in ogni governo che supportano queste pratiche selvagge. Sono diventato un difensore dei diritti degli animali, da allora non ha mai smesso di lottare per ogni essere vivente, che ha il diritto a non essere torturato. Spero di continuare a farlo fino all’ultimo giorno della mia vita, dichiara.

fd.jpgAlla domanda, se prima di quell’evento che gli cambiò la vita, aveva pensato di smettere risponde: Sì, ci sono stati diversi momenti critici. Una volta avevo ucciso una giovenca incinta e avevo visto come il feto era uscito dal suo grembo. La scena era così terribile che avevo vomitato e cominciai a piangere. Volevo smettere proprio lì, ma il mio manager mi dette una pacca sulla schiena e mi disse che non dovevo preoccuparmi, che sarei stato una figura importante delle corride e scene come quella era normale vederla in questa professione. Avevo 14 anni.
Poi qualche tempo dopo, ho dovuto infilzare cinque o sei volte la mia spada un toro prima di ucciderlo. Ha lottato con tutte le sue forze fino all’ultimo respiro. Ciò ha causato una forte impressione su di me, e ancora una volta ho deciso che non era la vita per me. Ma il mio viaggio in Spagna era già organizzato, così ho attraversato l’Atlantico. Poi è arrivata la terza possibilità, quella definitiva. E ‘stato come se Dio avesse pensato: “Se questo ragazzo non vuole sentire ragioni, dovrà impararlo nel senso duro.” E naturalmente ho imparato.

Attualmente Álvaro Munera lavora presso il Consiglio della città di Medellín, usando la sua posizione per difendere i diritti delle persone disabili e promuovere le campagne anti-corride ed è diventato cosi come l’Anticristo per gli appassionati di tauromachia. Molti difensori dei diritti degli animali hanno applaudito la sua decisione, ma altri dicono che non possono perdonarlo. Devo dire che li capisco e sono d’accordo, in una certa misura. Ma ci sono persone che pensano che io sono solo risentito per l’incidente. Questo è assurdo. Ho ricostruito la mia vita e la dedicherò aiutando centinaia di persone con disabilità ad andare avanti, oltre a lottare per i diritti degli animali. Chiquilin, è un altro torero pentito, e sostiene di aver visto i tori piangere. Dice che non può uccidere anche una mosca al giorno d’oggi. Mi tolgo il cappello davanti a quell’uomo, riferisce Munera. E ‘un vero eroe che ha imparato la lezione con la ragione e il pensiero.

 

LINK ORIGINALE: http://newsanimaliste.myblog.it/archive/2012/03/08/alvaro-munera-ex-torero-spiega-perche-e-diventato-un-attivis.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: